Archivio | alimentazione &C. RSS feed for this section

giovanni rana, l’animalista

10 Mag

Da qualche tempo, nelle sue pubblicità, Giovanni Rana si vanta di usare solo galline da allevamento a terra. E, come dice lui, per i suoi prodotti sceglie solo il meglio perchè da anni ci mette la faccia in prima persona.

Infatti, aprendo il suo sito, compare subito un video che spiega la politica aziendale:

L’espressione “galline allevate a terra”, così innoqua e ricca di buoni propositi, in realtà non significa nulla. Infatti, come riporta una guida della Lav, questo tipo di allevamento avviene a terra e senza gabbie, però in capannoni chiusi senza accesso all’esterno, un massimo di dodici galline per metro quadrato, nidi, trespoli, lettiere.

Forse pecca di ingenuità..ma affermare di utilizzare prodotti che darebbe anche ai nipoti è un pò troppo, sopratutto considerando che le galline utilizzate vengono imbottite di farmaci alla strega di tutte le altre…L’unica soluzione rimangono le uova BIO.

Prima o poi,  ci arriverà anche lui, magari dopo aver visitato davvero un allevamento.

la ricetta della Coca cola

23 Feb

  • 4 once di estratto fluido di coca e noci di cola
  • 3 once di acido citrico
  • 1 oncia di citrato di caffeina
  • 30 libbre di zucchero
  • 2,5 galloni di acqua
  • un quarto di succo di lime
  • 1 oncia di vaniglia
  • caramello a occhio
  • 2 once e mezza di aromi. ….quali aromi?????

Si tratta del componente 7X, da sempre custodito in modo “quasi” maniacale…

Voci di corridoio rivelano infatti che sia scritto su un chicco di riso racchiuso in una bottiglia, che è in una borsetta, che si trova in un vascello pirata inghiottito da una balena, che nuota in un vulcano spento di un isola sorvegliata da un lemure a due teste…

A quanto pare qualcuno superato il lemure, annacquato il vulcano per non farlo risvegliare….addormentata la balena, trovato il vascello, la borsetta, la bottiglia…e usato un magico microscopio portatile, l’ha letto e pubblicato nel 1979 sull’Atlanta Journal Constitution (pagina 28) …e così si scopre che il supersegreto ingrediente “7X” è composto da un quarto di alcool e sei essenze: arancia (80 gocce), limone (120 gocce), noce moscata (40 gocce); coriandolo (20 gocce), neroli (40 gocce).

Oggi la Coca-Cola è la bevanda più bevuta e imitata, nonostante le critiche di danneggiare la salute e violare i diritti umani. ….

Presto Raz Degan aprirà un indagine per risolvere il MISTERO…

san valentino in salute

14 Feb

Uno dei più importanti siti di promozione della salute suggerisce un San Valentino all’insegna del benessere:

–         mangiare in modo sano e proteggere il cuore riducendo il consumo di cibi grassi e ad alto contenuto di sale, a favore di una dose abbondante di frutta e verdura

–         praticare attività fisica

–         evitare i dolci

–         imparare i sintomi dell’attacco cardiaco in modo da riconoscerli tempestivamente.

un mondo variegato

28 Gen

  • fruttariani: consumano solo i vegetali, a patto che ciò non comporti la morte della pianta
  • crudisti: mangiano solo cibo crudo, come frutta e verdura
  • vegani: non consumano alcun prodotto di origine animale, neppure il miele
  • ovo vegani: consumano, come proteine animali, solo le uova. Niente carne, pesce o latte
  • latto-vegani: consumano solo il latte e i suoi derivati
  • latto ovo vegani: non consumane né carne, ne pesce, bensì latte, latticini e uova
  • macrobiotici: seguono una dieta basata sulla combinazione energetica degli alimenti. Mangiano saltuariamente il pesce ma escludono dalla loro tavola carne, derivati del latte e uova.

abc sulla diseguaglianza

30 Nov

 

Girottando per la rete ho trovato un video molto interessante sui principi base della nostra economia.

Be the change you wish to see in the world” Gandhi

i vegetariani e le proteine

27 Nov

Da poco ho avuto modo di vedere degli articoli dell’American dietetic association su vegetarianesimo e veganesimo. Questa associazione, la più grande del settore, ha una posizione molto chiara sul tema ritenendo che le diete vegane ben bilanciate, così come altri tipi di diete vegetariane, sono appropriate durante tutti gli stadi del ciclo vitale (inclusi gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia e adolescenza).

Tra i vegetariani c’è un’incidenza minore di malattie cardiache, ipertensione, cancro a prostata e colon e diabete, soprattutto grazie alla presenza di meno grassi e più fibre.

La convinzione che i vegetariani (e ancora di più i vegani) non assumano abbastanza proteine è radicata nel tempo ed è stata confutata ben 40 anni fa, quando gli studi medici hanno evidenziato che un’alimentazione basata esclusivamente su pane, pasta riso o patate fornisce un apporto proteico adeguato e che le proteine vegetali sono in grado di soddisfare i fabbisogni nutrizionali e non è necessario assumere la carne.

Tra le fasce in cui è necessario un apporto proteico maggiore (bambini, donne gravide e in allattamento) è sufficiente aggiungere fagioli, piselli o lenticchie. Il problema sull’adeguata assunzione di Ferro sono aggirabili grazie agli alimenti che ne sono ricchi come soia, semi di zucca, albicocche secche, fagioli pinto, spinaci e uvette (per assorbire al meglio il Ferro contenuto in questi alimenti è consigliato assumere vitamina C, mentre gli integratori di calcio, il caffè e il the ne inibiscono l’assorbimento).

Ho scoperto che un atleta non ha bisogno di proteine animali per avere successo. Infatti il mio migliore anno nelle competizioni di atletica leggera e’ stato quando mi sono convertito al veganismo”   Carl Lewis

e fu così che finì l’era Guinnes…

13 Nov

Continuo a pensare che essere vegetariana sia la scelta più difficile che ho fatto.

Oggi ho scoperto che la mia birra preferita, quella su cui taro tutti gli altri guidizi, la mia cara Guinnes, contiene gelatina di pesce (????) e va da se un bel “MA CHE CAZZZZZZ??????@#%&”

Scopro così che la colla di pesce viene usata come chiarificatore, soprattutto nelle birre inglesi e che la sua presenza è valsa alla Guinnes il premio Imperfect World Award, della Vegetarian Society, nel 2006.

Dalla società è stato fatto sapere che tutti i marchi Guinness sono privi di sostanze animali, tuttavia la colla di pesce può essere contenuta nella birra.

Girottando per la rete ho trovato una lista delle birre per vegetariani e vegani..insomma ora che lo so serve un “piccolo” sbattimento in più per essere sicuri di non mangiare prodotti animali.

Se penso che tutto è cominciato con un libro, tornerei indietro e….lo so già, rifarei tutto nello stesso modo. Ma questa è un’altra storia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: