Tag Archives: animali

giovanni rana, l’animalista

10 Mag

Da qualche tempo, nelle sue pubblicità, Giovanni Rana si vanta di usare solo galline da allevamento a terra. E, come dice lui, per i suoi prodotti sceglie solo il meglio perchè da anni ci mette la faccia in prima persona.

Infatti, aprendo il suo sito, compare subito un video che spiega la politica aziendale:

L’espressione “galline allevate a terra”, così innoqua e ricca di buoni propositi, in realtà non significa nulla. Infatti, come riporta una guida della Lav, questo tipo di allevamento avviene a terra e senza gabbie, però in capannoni chiusi senza accesso all’esterno, un massimo di dodici galline per metro quadrato, nidi, trespoli, lettiere.

Forse pecca di ingenuità..ma affermare di utilizzare prodotti che darebbe anche ai nipoti è un pò troppo, sopratutto considerando che le galline utilizzate vengono imbottite di farmaci alla strega di tutte le altre…L’unica soluzione rimangono le uova BIO.

Prima o poi,  ci arriverà anche lui, magari dopo aver visitato davvero un allevamento.

Annunci

trova le differenze/2

3 Mar

Appena li ho visti non ho potuto fare a meno di pensare alla faccia di un UFO…invece sono dei neonati di octopus vulgaris, il polpo comune, nati di recente nel California Academy of Sciences.

conto alla rovescia per il nuovo anno

6 Dic

Possiamo contare i giorni che ci separano dal nuovo anno guardando il calendario dell’avvento realizzato dal sito newborns.com.

Ogni giorno ci sarà la foto di un cucciolo nato in uno dei bioparchi sparsi nel mondo!

i vegetariani e le proteine

27 Nov

Da poco ho avuto modo di vedere degli articoli dell’American dietetic association su vegetarianesimo e veganesimo. Questa associazione, la più grande del settore, ha una posizione molto chiara sul tema ritenendo che le diete vegane ben bilanciate, così come altri tipi di diete vegetariane, sono appropriate durante tutti gli stadi del ciclo vitale (inclusi gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia e adolescenza).

Tra i vegetariani c’è un’incidenza minore di malattie cardiache, ipertensione, cancro a prostata e colon e diabete, soprattutto grazie alla presenza di meno grassi e più fibre.

La convinzione che i vegetariani (e ancora di più i vegani) non assumano abbastanza proteine è radicata nel tempo ed è stata confutata ben 40 anni fa, quando gli studi medici hanno evidenziato che un’alimentazione basata esclusivamente su pane, pasta riso o patate fornisce un apporto proteico adeguato e che le proteine vegetali sono in grado di soddisfare i fabbisogni nutrizionali e non è necessario assumere la carne.

Tra le fasce in cui è necessario un apporto proteico maggiore (bambini, donne gravide e in allattamento) è sufficiente aggiungere fagioli, piselli o lenticchie. Il problema sull’adeguata assunzione di Ferro sono aggirabili grazie agli alimenti che ne sono ricchi come soia, semi di zucca, albicocche secche, fagioli pinto, spinaci e uvette (per assorbire al meglio il Ferro contenuto in questi alimenti è consigliato assumere vitamina C, mentre gli integratori di calcio, il caffè e il the ne inibiscono l’assorbimento).

Ho scoperto che un atleta non ha bisogno di proteine animali per avere successo. Infatti il mio migliore anno nelle competizioni di atletica leggera e’ stato quando mi sono convertito al veganismo”   Carl Lewis

e fu così che finì l’era Guinnes…

13 Nov

Continuo a pensare che essere vegetariana sia la scelta più difficile che ho fatto.

Oggi ho scoperto che la mia birra preferita, quella su cui taro tutti gli altri guidizi, la mia cara Guinnes, contiene gelatina di pesce (????) e va da se un bel “MA CHE CAZZZZZZ??????@#%&”

Scopro così che la colla di pesce viene usata come chiarificatore, soprattutto nelle birre inglesi e che la sua presenza è valsa alla Guinnes il premio Imperfect World Award, della Vegetarian Society, nel 2006.

Dalla società è stato fatto sapere che tutti i marchi Guinness sono privi di sostanze animali, tuttavia la colla di pesce può essere contenuta nella birra.

Girottando per la rete ho trovato una lista delle birre per vegetariani e vegani..insomma ora che lo so serve un “piccolo” sbattimento in più per essere sicuri di non mangiare prodotti animali.

Se penso che tutto è cominciato con un libro, tornerei indietro e….lo so già, rifarei tutto nello stesso modo. Ma questa è un’altra storia.

Animal Spot

22 Ott

“Inevitabile che si pensasse, nella città nata grazie all’intervento materno di una Lupa (e salvata, la città, dall’opera provvidenziale di un buon gruppo di Oche), ad una rassegna della comunicazione con e su animali.
Da Roma, quindi, un tributo agli animali che fanno vendere”

Con questa premessa, nel 1995, è nata Animal Spot che racconta, archivia e premia campagne pubblicitarie con e su animali.

Quest’anno la scelta finale verte su sette video votabili dal sito Repubblica.it, la premiazione avverrà il 4 novembre nell’ambito della Festa del Cinema di Roma.

Al di là dell’evento e della premiazione, ho trovato questo sito carino e divertente: ci sono video di dubbio gusto però è una bella raccolta del nostro modo di rapprensetare gli animali.

buona notte New York!!!!

13 Ott

Lights out New York” è un’iniziativa ambientalista organizzata da Nyc Audubon, giunta al quinto anno di vita che coinvolge la città di New York, dal 1° settembre al 1° novembre, chiedendo lo spegnimento delle luci negli ultimi piani dei grattacieli.

Lo scopo dell’iniziativa è il contrasto dell’inquinamento luminoso in città che causa la morte di circa 90 mila volatili ogni anno: l’adesione permette di ridurre i decessi sino all’83%, garantendo anche un risparmio energetico di circa 750 mila kW per un edificio delle dimensioni dell’Empire State Building e un risparmio economico sino a 120 mila dollari.

Tra gli edifici più celebri che aderiscono ricordiamo: Chrysler Building, Rockefeller Center, 501 Lexington Avenue, Silverstein Properties e Time Warner Center.

L’iniziativa newyorkese è stata seguita da Toronto e Chicago e anche noi, nel nostro piccolo possiamo contribuire seguendo delle semplici regole da suggerire ad amici d’oltreoceano:

1. spegnere le luci dei piani non occupati e inutilizzati
2. chiudere le tende da mezzanotte all’alba
3. in caso di schianto di un animale sul vetro, chiamare subito l’associazione ambientalista NYC Audubon al numero  212-691-7483.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: