Tag Archives: immondezza

il settimo continente

21 Nov

Pacific Trash Vortex, ovvero il settimo continente, quello che siamo riusciti a creare noi umani con le nostre abitudini, o meglio le nostre cattive abitudini.

Infatti parte dei nostri rifiuti va ad aumentare il Pacific Trash Vortex, un vortice di spazzatura composto per l’80% da plastica e il resto da altri rifiuti, che si trova nell’Oceano Pacifico. Si tratta di un’isola di circa 2500 chilometri di diametro, profonda 30 metri.

Questa discarica si è formata a partire dagli anni cinquanta, in seguito all’esistenza della North Pacific Subtropical Gyre, una corrente oceanica che si muove in senso orario a spirale. L’area è una specie di deserto oceanico, dove la vita è ridotta solo a pochi grandi mammiferi o pesci e in aggiunta causa la morte di più di un milione di uccelli e 100mila mammiferi marini l’anno. Quando il materiale della discarica finisce al di fuori del vortice può arrivare alle Isole Hawaii o addirittura in California. In alcuni casi la quantità di plastica che si arena su tali spiagge è tale che si rende necessario un intervento per ripulirle, in quanto si formano veri e propri strati spessi anche 3 metri. La maggior parte della plastica giunge dai continenti, per cui siamo noi a produrla…solo il resto proviene da navi private o commerciali e da navi pescherecce.
Infatti la maggior parte della plastica che usiamo è poco biodegradabile e finisce per sminuzzarsi in particelle piccolissime che finiscono nello stomaco di molti animali marini uccidendoli, invece quella che rimane si decomporrà solo tra centinaia di anni, provocando da qui ad allora danni alla vita marina.
Charles Moore si imbattè in questo mare di immondizia nel ’97 e la scoperta gli cambio la vita. Fondò infatti  Algalita Marine Research Foundation, dal nome del suon catamarano utilizzato per le ricerche marine, con lo scopo di studiare possibili soluzioni per rimediare all’enorme scempio.


la prossima volta che ci chiedono se vogliamo una busta di plastica riflettiamo sulle conseguenze della nostra scelta.

triangolo della morte

2 Nov

Questi giorni mi sono imbattuta in un articolo del 2004 pubblicato dalla rivista “Lancet Oncology” che lancia un messaggio inequivocabile parlando di Triangolo della morte.

Il riferimento, per niente lusinghiero, va alla zona compresa tra Nola, Acerra e Marigliano.

Dai dati disponibili emerge infatti una profonda discrepanza tra l’indice di mortalità per il tumore al fegato, che a livello italiano si attesta a 14 casi ogni 100mila abitanti, sale sino a 35,9 per gli uomini e 20,5 per le donne (ogni 100mila abitanti).

Secondo lo studio la causa di questi dati è da ricondurre allo stoccaggio dei rifiuti, soprattutto illegale, che porta all’inquinamento del territorio e si ripercuote nella catena alimentare e nell’atmosfera di chi vive nella zona.

Gli organi colpiti sono i più sensibili del corpo: vescica, fegato e stomaco, dove c’è maggiore probabilità che la sostanza tossica entri all’interno della cellula. Tra i 20 e i 40 anni il rischio leucemie e linfomi, dunque, risulta più elevato.

Ma questo era il 2004…ci sarebbe stato tanto lavoro da fare, eppure siamo ancora qui a discuterne.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: